Costi della mediazione

I costi della mediazione sono certi e determinati in base ai criteri previsti dall’art. 16 del decreto del 18 ottobre 2010.

Per indennità di mediazione s’intendono:
• le spese di avvio del procedimento (€ 48,80 (IVA inclusa) per le controversie di valore inferiore od uguale ad € 250.000,00 ed € 97,60 (IVA inclusa) per le controversie di valore superiore)
• le spese di mediazione (consulta la tabella delle indennità sottostante)

Le spese di avvio sono da versare al momento del deposito della domanda ovvero in fase di deposito dell’adesione.

In caso di esito negativo dell’incontro preliminare programmatico, ovvero, in caso di mancato consenso delle parti alla prosecuzione dell’incontro di mediazione, nessuna indennità è dovuta all’organismo di mediazione, se non le spese vive documentate sostenute per le attività inerenti alla notifica della domanda di mediazione.

TABELLA DELLE INDENNITA’ DI MEDIAZIONE

(LE SPESE SI INTENDONO PER OGNI SINGOLO CENTRO DI INTERESSI)

 

SCARICA LA TABELLA IN PDF

  INDENNITA' DI MEDIAZIONE Tutti gli importi indicati si intendono
IVA esclusa
 
Valore della liteSpese di avvioSolo in caso esito positivo dell'incontro preliminareMaggiorazione del 25% solo in caso di accordoMaggiorazione del 20% solo in caso di proposta del mediatoreMaggiorazione per particolare complessità
Fino a € 1.000,00€ 40,00€ 30,00€ 7,50€ 6,00€ 6,00
da € 1.000,01 a € 5.000,00€ 40,00€ 85,00€ 21,25€ 17,00€ 17,00
da € 5.000,01 a € 10.000,00€ 40,00€ 155,00€ 38,75€ 31,00€ 31,00
da € 10.000,01 a € 25.000,00€ 40,00€ 235,00€ 58,75€ 47,00€ 47,00
da € 25.000,01 a € 50.000,00€ 40,00€ 395,00€ 98,75€ 79,00€ 79,00
da € 50.000,01
a € 250.000,00
€ 40,00€ 660,00€ 165,00€ 132,00€ 132,00
da € 250.000,01
a € 500.000,00
€ 80,00€ 750,00€ 187,50€ 150,00€ 150,00
da € 500.000,01
a € 2.500.000,00
€ 80,00€ 1.425,00€ 356,25€ 285,00€ 285,00
da € 2.500.000,01
a € 5.000.000,00
€ 80,00€ 1.950,00€ 487,50€ 390,00€ 390,00
oltre
€ 5.000.000,00
€ 80,00€ 3.220,00€ 805,00€ 644,00€ 644,00

Vantaggi fiscali della mediazione

Il D.Lgs. 28/2010 ha previsto alcuni importanti benefici fiscali:

  • un credito d’imposta relativo alle indennità complessive corrisposte all’Organismo, sino alla concorrenza di € 500,00 in caso di successo della mediazione; in caso di insuccesso il credito d’imposta è ridotto della metà (€ 250,00);
  • l’esenzione di tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di mediazione da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura, ivi, quindi, le imposte ipotecarie e catastali in caso di accordi aventi ad oggetto immobili e, più in generale, diritti reali;
  • l’esenzione del verbale di accordo dall’imposta di registro entro il limite di valore di € 50.000,00 altrimenti l’imposta è dovuta per la parte eccedente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi